Chi siamo

Quello che sto per scrivere lo sappiamo tutti, ma proprio tutti.

Molto spesso però le cose che sappiamo le diamo per scontate.

Ogni genitore, ogni mattina, per prima cosa, dovrebbe ringraziare per la salute dei propri figli.
Perché averli, sani, con una vita davanti, è la cosa che dovrebbe renderci felici in assoluto. Ed insieme a questo pensiero, ci dovrebbe rendere felice la possibilità di poter essere ancora genitori, di poterli accompagnare, di poterli guidare.

È per questo che ci battiamo, è per questo che è nata Salvagente. Per impedire che le famiglie debbano attraversare il buio della morte di un figlio. Ed anche per aiutare chi da quel buio è costretto a passarci.

Salvagente è diventata grande.
Sta diventando tanto grande, tanto diffusa, tanto conosciuta.

Quando ho proposto a Silvia e Filippo di imbarcarsi in questa avventura nel 2013, pensavamo di occuparci di qualche corso e qualche progetto.
Oggi siamo una realtà importante che fa spesso la differenza.

Ne sentiamo tutta la responsabilità e tutta la bellezza.

E mi piace pensare a questo cambiamento come ad una lezione di vita.

Quando l’ho immaginata, sognata, creata, in molti si sono opposti, alcuni hanno accettato, ma pochissimi ci hanno creduto.

Nella vita, se credi davvero a qualcosa, ad una missione, devi farlo. Questo ti farà capire chi hai al fianco, ed è l’unico modo di cambiare il mondo e di lasciare un segno. Ed ogni muro, ogni critica, ogni fallimento, ti sta solo facendo capire quanto tieni a quella cosa.

E sono certo che non abbiamo ancora visto niente.

Quindi grazie Filippo e Silvia, grazie a coloro i quali hanno avuto fiducia, ci hanno creduto, ci hanno aiutato ad arrivare qui e ci crederanno. Grazie a chi è con noi dall’inizio, e a chi è arrivato dopo. Grazie ai nostri partner storici come Gepo.

Semplicemente grazie.

Rendiamo questo mondo migliore.

Insieme.

Mirko Damasco – Presidente Salvagente Italia

Tre persone diverse, con una sola missione e l’ambizione di cambiare un pochino questo mondo: Mirko, Filippo e Silvia da anni sono impegnati nella diffusione della cultura del Primo Soccorso e hanno scelto di muoversi con le proprie gambe per garantire organizzazione snella, interventi mirati alle necessità del richiedente e velocità organizzativa.

È con questo spirito e animati da questi ideali che, a fine 2013, i tre amici fondano l’Associazione di Promozione Sociale Salvagente.
Il Primo Soccorso è un tema che in Italia rappresenta ancora in qualche modo un tabù; Salvagente APS si propone di creare eventi accessibili a tutti e di evitare una limitata diffusione della cultura del Primo Soccorso a causa delle lunghe attese o della troppa burocrazia.

Quale è il più grande deficit che ha un sistema di soccorso, benché strutturato e veloce?

Quello di non prevedere gli avvenimenti e di non essere presente quando questi accadono.

Quando i mezzi di soccorso, pur se attivati in tempo, arrivano comunque troppo tardi per colpa di barriere più o meno naturali presenti nelle nostre città, la miglior risorsa che abbiamo a disposizione siamo noi stessi.

E allora perché non trasformare tutti i cittadini in soccorritori, proprio per colmare quel vuoto tra l’emergenza e l’arrivo del mezzo di soccorso?

Essere testimoni, saper cosa fare e come, può cambiare gli esiti di un soccorso.

A volte può fare la differenza, a volte può voler dire salvare una vita.

Ed è una possibilità troppo bella e importante da non avere.